Le Liste Semiserie: come guadagnare un hater e vivere felici



Vuoi sentirti anche tu una strafica della Rete ma non hai nemmeno un hater?
Poche semplici regole, ciniche quanto basta, per guadagnarne uno e mantenerlo sano e in salute.




Prima di tutto devi domandarti: sei abbastanza importante? Perchè difficilmente al di sotto dei 10k qualcuno si sentirà sufficentemente motivato da venire a offenderti o insultarti.
Suggerimento: compra followers e usa bot senza ritegno: sarà anche un ottimo argomento di polemica.




Hai problemi a mostrarti? Male! Mostrare se stessi è un ottimo punto di partenza per scatenare gli haters! Fatti vedere struccata, con i brufoli oppure addirittura con le ciccette sballonzolanti in puro stile Bridjet Jones ma sopratutto NO a tristezze e piagnistei: gli haters si accaniscono con più gusto su chi si mostra sereno e sicuro di se.



Non hai opinioni scomode? Beh comincia con creartene una tenendo sempre presente la regola aurea che più ne hai meglio è.
Confida sempre nell''analfabetismo funzionale e nell'ignoranza sventolata con prepotenza e non resterai mai delusa: argomenti da cavalcare ne troverai a iosa: dall'omeopatia ai vaccini, solo per fare degli esempi, e se proprio sei in difficoltà puoi sempre provare con il veganismo o il femminismo, due materie che ti regaleranno tante ma tante soddisfazioni.



Hai una bella famiglia, un lavoro che ti piace, una casa da rivista o addirittura ti puoi permettere di viaggiare? Perfetto: nutri l'invidia del prossimo con il sorriso e la tua vita felice, nulla provoca di più l'odiatore seriale del rosicare sull'esistenza degli altri.
Se poi lavori con i social e magari ti arrivano anche dei regali hai fatto bingo! L'hater è dietro l'angolo, devi solo fargli sapere che esisti e il gioco è fatto. Ti odierà anche se ricevi degli spugne per i piatti: PERCHE' TU NON LE MERITI.



Al primo commento vagamente polemico o anche solo non completamente positivo o entusiasta colpisci subito duro: non sprecare le occasioni per creare scompiglio... gli haters sono come cani da tartufo e percepiscono la polemica a account di distanza quindi non appena innescata arriveranno attirati come squali da un banco di pesci.



Non appena avrai il tu primo commento odioso coccolalo e nutrilo come un bimbo in fasce: incazzati, fatti sentire possibilmente utilizzando tutti i mezzi social a tua disposizione. Batti il ferro finchè è caldo.
Non dimenticare il povero twitter!



L'hater va nutrito con cura e dedizione, come un fiorellino delicato: perciò non lesinare argomenti scomodi, sii sincera sempre fino all'eccesso, lascia da parte ogni accenno di pietà e diplomazia e affronta ogni discorso con piglio fiero e combattivo: solo così la fame dell'hater sarà soddisfatta e il suo ego alimentato a dovere.





Ricordati però di avere anche compassione e rispetto per il tuo hater: è una persona semplice che ha scoperto di saper fare una sola cosa bene e ci mette tutta la sua passione. L'hater sa che ogni giorno si sveglierà e dovrà trovare un nuovo obbiettivo per i suoi commenti inutili e fastidiosi, e che una blogger/instagrammer/chiunque dovrà essere veloce nel rispondergli a tono e/o bloccare, nell'eterna lotta dei socials. Mors tua vita mea, no?



Se vedi che con queste semplici regole ancora non funziona puoi sempre assoldare qualche amica/o che grazie a profili deliziosamente fake vengano a spargere un po' di pepe sul tuo profilo... Concordate in anticipo gli argomenti della discussione in modo da ottenere la massima resa nel minor tempo possibile.


Giunta fin qui potresti obbiettare che tutto questo sembra decisamente faticoso e senza senso: quanto è importante avere almeno un haters nella tua vita? Senza qualcuno che giudica tutto quello che fai, quello che dici, come ti vesti, dove vai in vacanza e comunque sia qualsiasi cosa tu faccia sbagli?
Ma certo che è importante, perchè ci fa sentire migliori no?
Stiamo solo attenti a non diventare noi, senza volere, senza rendercene conto, hater di qualcun'altro. Succede più spesso di quanto non si immagini ;)














Nessun commento